Chillventa 2018


La manifestazione ormai affermata come il networking internazionale per antonomasia: Chillventa connecting experts 

Dal 16 al 18 ottobre 2018 il quartiere fieristico di Norimberga ospita Chillventa, la manifestazione fieristica diventata luogo di incontro per la comunità internazionale della refrigerazione, climatizzazione, ventilazione e pompe di calore. L’edizione scorsa ha visto la presenza di 981 espositori e oltre 32.000 visitatori provenienti da 114 nazioni. Per l’edizione 2018 gli organizzatori prevedono di superare ulteriormente i già ottimi risultati del 2016.

Anche le aziende del gruppo Torri di raffreddamento di Assoclima espongono a Chillventa e vi aspettano al padiglione 7 per mostrarvi le più recenti novità relative alla tecnologia del raffreddamento evaporativo.

BAC: stand 7-214 - Decsa: stand 7-623 - Evapco: stand 7-406 - Mita: stand 7-422               


 


Legionella e torri di raffreddamento: dubbi e certezze


La legionellosi o malattia del legionario è una malattia infettiva che colpisce l'apparato respiratorio ed è causata principalmente dal batterio Legionella pneumophila.

Le “Linee guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi” del ministero della Salute (2015) riportano le principali indicazioni che dovrebbero essere rispettate per un ottimale controllo della contaminazione da Legionella negli impianti tecnologici che comportano un riscaldamento dell’acqua e/o la sua nebulizzazione.

L’ing. Sergio La Mura, componente del gruppo di lavoro che ha redatto le Linee guida, risponde ad alcune domande sulle modalità di sviluppo e proliferazione del batterio Legionella pneumophila e illustra sinteticamente le azioni da compiere per evitare che il batterio venga rilasciato in atmosfera.

Leggi l’intervista su L’Industria Meccanica.

Scarica le Linee guida del ministero della Salute.


Torri di raffreddamento al Convegno internazionale AiCARR

Il Gruppo Torri di raffreddamento di Assoclima è intervenuto con una relazione al 50° Convegno internazionale organizzato da AiCARR a Matera. 

“Oltre gli edifici NZEB” è il titolo del Convegno internazionale che AiCARR, con il patrocinio di ASHRAE e REHVA, ha organizzato a Matera il 10 e 11 maggio 2017.

Il raggiungimento degli obiettivi NZEB richiede una vasta gamma di tecnologie, sistemi e soluzioni con diversi gradi di complessità e sofisticazione a seconda delle condizioni climatiche locali, della legislazione adottata e della situazione del mercato.

Su questo tema è intervenuto il Gruppo Torri di raffreddamento di Assoclima presentando nella sessione tecnica HVAC System Technologies il Technical Paper “Saving resources by going evaporative”. La relazione illustra come la tecnologia del raffreddamento evaporativo possa aiutare a ridurre significativamente i consumi energetici. 

Scarica il Technical Paper “Saving resources by going evaporative” 



Ricostituito in Assoclima il Gruppo "Torri di raffreddamento" 

Obiettivi del Gruppo: seguire lo sviluppo della normativa, rappresentare il settore ai tavoli europei e rivitalizzare l’interesse del mercato per un prodotto che ha tutte le caratteristiche per soddisfare i requisiti di efficienza energetica.

A fine 2016 si è ricostituito all’interno di Assoclima il Gruppo 9 “Torri di raffreddamento”, al quale hanno aderito quattro dei principali player del settore: Baltimore Aircoil International, Decsa, Evapco e Mita. 


Uno degli scopi del gruppo è seguire lo sviluppo della normativa, sia a livello italiano sia europeo, e rappresentare i costruttori di torri di raffreddamento, associati ad Assoclima, all’interno di Eurovent e nelle sedi in cui vengono discusse norme e regolamenti di interesse per il settore.


Una rappresentanza ufficiale della nostra industria, soprattutto ai tavoli europei, non poteva più mancare – dichiara Alessandro Fontana, amministratore delegato di Mita e coordinatore del gruppo – perché gli argomenti in discussione sono importanti e la situazione è in continua evoluzioneA ottobre 2016, ad esempio, è stata ufficialmente presentata la Raccomandazione Eurovent 9/12 che indica gli obiettivi minimi di efficienza energetica per le torri di raffreddamento. Si tratta di un codice di buona pratica sviluppato in poco più di un anno grazie allo sforzo congiunto dei principali produttori europei di torri di raffreddamento che fanno parte del Product Group Evaporative Cooling Equipment di Eurovent. La nostra presenza è quindi importante soprattutto se si considera che l’Italia è il secondo produttore di torri di raffreddamento in Europa e il secondo mercato in termini di volume.”


Altro obiettivo del gruppo è rivitalizzare l’interesse dei progettisti italiani, soprattutto dei più giovani, per le torri di raffreddamento, prodotti che hanno una lunga tradizione alle spalle e che possiedono tutte le caratteristiche per soddisfare quanto richiesto oggi dalle direttive sul risparmio energetico. 


Per Philip Montrasio, amministratore delegato di Evapco Europe “i progettisti devono sapere che con l’evoluzione normativa in atto, in particolare per quanto riguarda gli edifici nZEB, dovranno prendere nuovamente in considerazione anche questa tipologia di sistemi se vorranno raggiungere alti livelli di efficienza. 


Rispetto ad altre apparecchiature – precisa Antonio Visintini, regional manager south east Europe di BAC – le torri di raffreddamento hanno una minore carbon footprint e per potenze elevate la condensazione con acqua di torre è indubbiamente più efficiente dal punto di vista energetico.”


Va sottolineato infine che a livello europeo l’Italia è ancora uno dei paesi con le tariffe elettriche più alte e che il consumo elettrico di una torre di raffreddamento è nettamente inferiore rispetto ad altri sistemi di condensazione. La Raccomandazione Eurovent appena pubblicata – conclude Nicola de Cardenas, amministratore delegato di Decsa – è un primo importante passo che ci consentirà di mettere correttamente a confronto l’efficienza energetica delle nostre macchine con altri sistemi disponibili sul mercato.”